Aveva buone intenzioni ...

Join us here for some fun chit chat, or share your opinions on rumours and gossip in the news. Beginners and advanced Italian speakers are all welcome!
User avatar
calum
Site Owner
Posts: 366
Joined: Sun Oct 29, 2006 8:46 pm
Location: Scozia
Contact:

Aveva buone intenzioni ...

Postby calum » Mon Jan 07, 2013 10:22 pm

Per soddisfare il mio appetito per libri italiani, ogni tanto mia moglie me ne compra alcuni; tipo La voce del violino di Andrea Camilleri o Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti. È ovvio che preferisco i gialli.

Per natale ho ricevuto proprio un sacco di libri di scrittori diversi, fra cui: Estate di morte di Harlan Coben e Il collezionista di James Patterson.

Comunque, uno in particolare spiccava fra gli altri - era un libro di Umberto Eco - il cui mia moglie ha scelto perché mi ha sentito nominare questo famoso scrittore. Ora, lei non parla italiano oltre ad essere in grado di ordinare qualcosa da mangiare o da bere.

Una volta scartato il regalo, non potevo nascondere la mia sorpresa e perplessità. Il titolo? : Come si fa una tesi di laurea. Il libro che volevo era Il nome della rosa!

Avete ricevuto qualcosa inaspettata per natale?


Calum

(Please correct all my errors)

User avatar
Peter
Posts: 2853
Joined: Mon Feb 07, 2005 12:41 pm
Location: Horsham, West Sussex, England
Contact:

Re: Aveva buone intenzioni ...

Postby Peter » Wed Jan 09, 2013 4:23 pm

calum wrote:Per soddisfare il mio appetito per libri italiani, ogni tanto mia moglie me ne compra alcuni; tipo La voce del violino di Andrea Camilleri o Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti. È ovvio che preferisco i gialli.

Per natale ho ricevuto proprio un sacco di libri di scrittori diversi, fra cui: Estate di morte di Harlan Coben e Il collezionista di James Patterson.

Comunque, uno in particolare spiccava fra gli altri - era un libro di Umberto Eco - il cui mia moglie ha scelto perché mi ha sentito nominare questo famoso scrittore. Ora, lei non parla italiano oltre ad essere in grado di ordinare qualcosa da mangiare o da bere.

Una volta scartato il regalo, non potevo nascondere la mia sorpresa e perplessità. Il titolo? : Come si fa una tesi di laurea. Il libro che volevo era Il nome della rosa!

Avete ricevuto qualcosa inaspettata per natale?


Anche io mi piace i gialli e non solo quelli italiani. Sono tifoso di Henning Mantell e il suo protagonista Kurt Wallander. Maggie mi ha regolato tre libri per Natale, due dei quali sono gialli, uno di un autore islandese, Arnaldur Indridason, chiamato Jar City, l'altro ė Borkmann's Point, di un altro autore svedese, Håkan Nesser. Entrambi libri sono scuri, esplorare il lato cattivissimo della natura umana. Il terzo libro ė totalmente diverso, ma anche spaventoso, dato che descrive quello che succede quando un mega-tsunami, creato da un meteorite, colpisce Hawaii. Interessante!

Maggie mi ha regolato anche il set di cinque DVD con dieci programmi di Montalbano - tutti quelli che il BBC ha mostrato l'inverno scorso. Sono contentissimo! :D
A presto


Peter

http://www.flickr.com/photos/sussexshark/
http://sussexshark.wordpress.com/
http://www.photoshow.com/members/sussexshark/all

Impariamo.com has a Facebook page: https://www.facebook.com/impariamo.com

User avatar
Itikar
Posts: 155
Joined: Sat Nov 03, 2012 2:44 pm
Location: Italia, Lombardia

Re: Aveva buone intenzioni ...

Postby Itikar » Wed Jan 09, 2013 9:50 pm

Quando ho letto del libro della tesi di laurea mi son proprio spanciato. :D

No, per Natale non ho ricevuto niente di inaspettato, ero andato in libreria e mi ero preso un libro su Michelangelo. Un bell'acquisto peraltro perché il rapporto qualità prezzo era davvero eccezionale.

In genere non vado matto per i gialli, anche se quando lessi il nome della rosa mi piacque moltissimo. Non tanto però per il delitto, quanto piuttosto per il contesto storico e le digressioni filosofiche.
Fu una lettura un po' scolastica per certi versi. In primo luogo le maestre ci fecero vedere il film integralmente alle elementari, poi alle superiori la prof di filosofia ci diede da leggere il libro durante l'anno scolastico. Ad un certo punto mi stufai dell'imposizione e andai a leggermene il riassunto in rete per studiarlo e scopiazzarlo per fare i compiti. Non ho mai sopportato le imposizioni. :roll:
Poi, dopo che fu finito l'anno scolastico, allora con calma mi lessi il libro durante le vacanze estive. Quello sì che fu un piacere. 8)

calum wrote:Comunque, uno in particolare spiccava fra gli altri - era un libro di Umberto Eco - che mia moglie ha scelto perché mi ha sentito nominare questo famoso scrittore. Ora, lei non parla italiano tranne/eccetto/a parte essere in grado di ordinare qualcosa da mangiare o da bere.

Una volta scartato il regalo, non potei nascondere la mia sorpresa e perplessità. Il titolo? : Come si fa una tesi di laurea. Il libro che volevo era Il nome della rosa!

Avete ricevuto qualcosa di inaspettato per natale?

Veramente niente di cui preoccuparsi. :) Il tuo stile è fluido e chiaro come quello di un madrelingua, ci scappa solo qualche errorino di forma qua e là che è decisamente in secondo piano.
a)"il cui" vuol dire generalmente whose (es. l'uomo il cui fratello è qui - the man whose brother is here), nel caso sopra si usa il pronome "che".
b)"oltre a" vuol dire che lei, oltre a non saper parlare italiano, sa fare anche qualcos'altro in più, il che sarebbe un controsenso. Siccome lei non lo sa parlare sarebbe meglio usare una congiunzione limitativa come una di quelle che ti ho proposto.
c)L'imperfetto dà l'idea di un processo continuativo, quasi simile, ma non identico, a un "I was not hiding". Meglio usare un tempo perfetto e, visto che ci troviamo nel contesto di una narrazione, un passato remoto. Anche un passato prossimo "non ho potuto" comunque andrebbe benissimo, sebbene specialmente allo scritto e in quel contesto mi ci suoni meglio un passato remoto.
d)"qualcosa di inaspettato" è un'espressione idiomatica da prendere così com'è. :D
I would be very grateful, if you could please correct my English.

User avatar
calum
Site Owner
Posts: 366
Joined: Sun Oct 29, 2006 8:46 pm
Location: Scozia
Contact:

Re: Aveva buone intenzioni ...

Postby calum » Thu Jan 10, 2013 4:46 pm

Ciao Itikar,

grazie per le correzioni e le spiegazioni, è molto gentile da parte tua.
Confesso che ho sudato sette camicie per scrivere quel messagio però credo che, dopo la tua valutazione, valesse la pena.

Dovrei tentare di scrivere in italiano più spesso.

Calum

User avatar
Itikar
Posts: 155
Joined: Sat Nov 03, 2012 2:44 pm
Location: Italia, Lombardia

Re: Aveva buone intenzioni ...

Postby Itikar » Thu Jan 10, 2013 5:50 pm

Fa sempre bene scrivere in italiano. :D
Una precisazione su una cosetta che magari sopra non ho chiarito del tutto. L'espressione idiomatica a cui mi riferivo non era "qualcosa di inaspettato", ma solo "qualcosa di". Dopo il "di", purché non venga concordato, puoi metterci l'aggettivo che ti pare. Es. qualcosa di speciale, bello, stupendo, ecc.
I would be very grateful, if you could please correct my English.

User avatar
polideuce
Posts: 876
Joined: Mon Sep 03, 2007 3:29 pm
Location: Salsomaggiore Terme
Contact:

Re: Aveva buone intenzioni ...

Postby polideuce » Tue Jan 15, 2013 4:29 pm

ah "il nome della Rosa"... che bel libro.
Come ha detto Itikar, questo volume era già lettura scolastica ai miei tempi; ricordo che lo lessi in terza o quarta superiore, '89 o '90... una cosa così, e che impiegai tre sere a leggerlo.
Non è una lettura facile, ma è molto avvincente proprio per l'ambientazione, il movente e persino per l'assassino.

Quest'anno ho ricevuto un'unica cosa per Natale, vestiario, e quindi non posso lamentarmi di nulla; del resto regalarmi dei libri è pericolosissimo, esiste la possibilità, non troppo remota, ch'io l'abbia già comprato in una delle mie frequenti, anche se meno che in passato, incursioni in libreria.


Return to “Quattro chiacchiere”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest