Credo che.. and Credo di..

Have a question about Italian grammar? Need a quick translation from Italian to English or vice versa? Post it here!
Post Reply
zollen
Posts: 100
Joined: Sun Jan 03, 2010 3:44 pm
Location: Toronto, Canada

Credo che.. and Credo di..

Post by zollen » Sat Feb 08, 2014 11:38 pm

Credo di essere malato
Credo che sono malato
Does the usage of Credo che and Credo di is strictly personal preference, and Both meanings are identical?

Geoff
Posts: 251
Joined: Fri Mar 07, 2008 7:55 am
Location: Melbourne, Australia

Re: Credo che.. and Credo di..

Post by Geoff » Sun Feb 09, 2014 6:41 am

zollen wrote:
Credo di essere malato
Credo che sono malato
Does the usage of Credo che and Credo di is strictly personal preference, and Both meanings are identical?
Credo che requires the subjunctive (congiuntivo) so "Credo che sono malato" should be "Credo che io sia malato". You really need the pronoun io here because the first, second and third person singular subjunctive are identical (i.e. all = sia). Unless it is obvious from the context, it would not be possible to tell if you are speaking of I, you or he/she without the pronoun.

That change made, the two sentences are identical in meaning although it is normal to use the di form when the subjects of the two verbs (credere and essere in this case) are identical, which they are here because io is the subject in each case. If the subjects are different, you have to use che.

User avatar
Quintus
Posts: 421
Joined: Thu Jun 30, 2011 8:22 am
Location: Florence, Italy

Re: Credo che.. and Credo di..

Post by Quintus » Sun Feb 09, 2014 12:27 pm

Geoff wrote: Credo che requires the subjunctive (congiuntivo) so "Credo che sono malato" should be "Credo che io sia malato". You really need the pronoun io here because the first, second and third person singular subjunctive are identical (i.e. all = sia). Unless it is obvious from the context, it would not be possible to tell if you are speaking of I, you or he/she without the pronoun.

That change made, the two sentences are identical in meaning although it is normal to use the di form when the subjects of the two verbs (credere and essere in this case) are identical, which they are here because io is the subject in each case. If the subjects are different, you have to use che.
Risposta impeccabile. Aggiungo la coniugazione del modo indicativo dei tre tempi semplici presente, passato e futuro limitatamente al verbo della proposizione subordinata dichiarativa (i.e. limitedly to the verb of the declarative subordinate clause introduced by the conjunction "che"):

PRESENT

(io) credo che io sia malato (but the most common (80%) way is "(io) credo di essere malato")
(io) credo che tu sia malato
(io) credo che egli sia malato
(io) credo che (noi) siamo malati
(io) credo che (voi) siate malati
(io) credo che (essi) siano malati

PAST - IMPERFECTIVE ASPECT

(io) credo che io fossi malato
(io) credo che tu fossi malato
(io) credo che (egli) fosse malato
(io) credo che (noi) fossimo malati
(io) credo che (voi) foste malati
(io) credo che (essi) fossero malati

PAST - PERFECTIVE ASPECT

(io) credo che io sia stato malato (but the most common (80%) way is "(io) credo di essere stato malato")
(io) credo che tu sia stato malato
(io) credo che egli sia stato malato
(io) credo che (noi) siamo stati malati
(io) credo che (voi) siate stati malati
(io) credo che (essi) siano stati malati

FUTURE

(io) credo che (io) sarò malato
(io) credo che (tu) sarai malato
(io) credo che (egli) sarà malato
(io) credo che (noi) saremo malati
(io) credo che (voi) sarete malati
(io) credo che (essi) saranno malati

Nell'italiano scritto correttamente i pronomi posti in grassetto devono sempre essere usati, mentre quelli in parentesi sono facoltativi (optional). Nell'italiano parlato senza badare troppo all'accuratezza vengono omessi tutti i pronomi purché tale omissione non generi ambiguità.

I pronomi di prima e seconda persona plurale (noi, voi) che nel testo appaiono in parentesi in colore blu, pur essendo opzionali, vengono tuttavia generalmente usati, e questo vale sia per l'italiano scritto che, ancorché (even if) in misura minore, per quello parlato.

-

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 5 guests